Notizie

ANTE LUCEM al Teatro Studio

ANTE LUCEM, una scrittura scenica di Teatro del Lemming su “Sette Romanze su poesie di Aleksandr Blok, op. 127” di Dmitrij Šostakovič – Teatro Sociale – Stagione Estiva 2021

PRIMA ASSOLUTA
ANTE LUCEM (Prima dell’Alba) è un’Opera da camera che nasce attorno alle Sette romanze su poesie di Alexsandr Blok op. 127 di Dmitrij Šostakovič.

Per quanto si tratti di una partitura che il compositore russo scrisse per soprano e
un piccolo ensemble strumentale, essa si presta particolarmente ad una rilettura teatrale, come per altro accade a diverse composizioni dell’ultimo
Šostakovič (le Sei poesie di Marina Cvetaeva, la suite su versi di Michelangelo, persino la Sinfonia n.14, ecc.). La scrittura scenica operata in questa
versione dal Teatro del Lemming, sovrappone alla musica il linguaggio articolato del teatro: la fisicità degli attori, la parola poetica, il linguaggio
simbolico delle immagini, trasformano perciò la composizione da camera in un’Opera complessa e dal forte impatto visivo. È notte e siamo come
in attesa di una rivelazione. Domina un’atmosfera da sogno, una diffusa trama nebbiosa. Si aprono squarci su scenari misteriosi ed evanescenti,
pervasi di malinconia e di enigmi. Uno spazio intimo ed evocativo, tanto più attuale in quest’epoca di pandemia: un canto gettato nell’oscurità della
notte in attesa della liberazione di una nuova alba.

Una scrittura scenica di Teatro del Lemming
su “Sette Romanze su poesie di Aleksandr Blok, op. 127” di Dmitrij Šostakovič

Cristina Baggio soprano, Alessio Papa, Katia Raguso, Marina Carluccio, Diana Ferrantini attori, Adele Viglietti violino, Edoardo Francescon violoncello, Andrea Mariani pianoforte, Silvia Massicci, Roberto Lunari, Matteo Fasano, Paolo Rando assistenza tecnica, Thierry Parmentier costumi, Massimo Munaro drammaturgia e regia

Condividi