Notizie

Ecoambiente apre il tavolo di condivisione sul nuovo piano Industriale

Ecoambiente comunica la propria soddisfazione per le approvazioni intervenute nella scorsa assemblea del Consiglio di Bacino tenutosi il 22 us dove sono state approvate le tariffe 2024 per l’intera Provincia e il Piano Economico Finanziario per gli anni 2024 e 2025 oltre alle modifiche regolamentari, tutte a favore dell’utenza, utili per migliorare l’applicazione della tariffa puntuale.

Dal 2024 Ecoambiente sarà quindi il gestore unico del territorio Polesano e applicherà e riscuoterà le tariffe, è un risultato importante e il CdA della società ringrazia il Consiglio di Bacino e i Sindaci che hanno votato i provvedimenti consentendo alla Società di garantire le entrate necessarie per sostenere i servizi oltre che a credere nel progetto di tariffa e gestione unica per il territorio polesano.

Il risultato delle tariffe inalterate rispetto a quelle già approvate e valide per il 2023 nei 21 Comuni dell’Alto Polesine e Rovigo è un ottimo risultato se si confronta con l’adeguamento inflattivo che nel 2023 ha superato il 5% e che l’azienda deve scontare sui costi dei servizi. L’invarianza tariffaria è stata ottenuta grazie all’efficientamento dei servizi e alla oculata gestione degli impianti di proprietà oltre che ai maggiori ricavi che derivano dalla cessione dei rifiuti riciclabili differenziati dai cittadini. La raccolta differenziata nei 21 Comuni che hanno attivato la tariffa puntuale ha nel 2023 superato ormai l’obiettivo dell’80% di raccolta differenziata attestandosi al 82%, questo dato importante dimostra come le modifiche introdotte lo scorso anno sulla metà del territorio Provinciale abbiano conseguito e superato i risultati attesi grazie alla collaborativa partecipazione della stragrande parte dei cittadini.

Il buon risultato raggiunto sul prelievo complessivo tariffario è confermato anche dal confronto con i dati forniti da ARERA (relativi al 2023) dove il valore espresso in € per tonnellata dell’intero servizio indica per Ecoambiente una performance di costo inferiore di oltre il 22% rispetto alla media nazionale (381 €/ton contro i 309 €/ton).

In merito alla nota trasmessa a firma di 18 esponenti di amministrazioni dei Comuni soci, Ecoambiente si è resa disponibile al confronto con le stesse amministrazioni anche recentemente in una riunione che si è tenuta il 19 marzo e in cui sono state puntualmente illustrate tutte le richieste fatte. E’ stata inoltre trasmessa a tutti i Sindaci una nota di riscontro dove sono state date tutte le risposte alle domande formulate.

La società ha promosso fin dall’autunno scorso e trasmesso a partire da gennaio 2024 la proposta di un processo di revisione del Piano Industriale e auspica la massima condivisione con tutti i Sindaci a partire dalla redazione delle linee Guida del Piano Industriale stesso con una tempistica che tenga conto delle prossime scadenze elettorali che, come è noto, vedono impegnati 32 Comuni del Polesine con oltre il 55% di popolazione al voto amministrativo.

Il CdA di Ecoambiente  

Pierpaolo Frigato, Chiara Turolla, Adriano Tolomei

Condividi