Notizie

Donare sangue è un gioco di squadra

Donare è più che mai un gioco di squadra, che coinvolge i professionisti della salute, le Associazioni dei donatori, lo sport. Due splendidi video con i campioni rossoblu del Rugby lo hanno raccontato oggi, in occasione della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, in Aula magna della Cittadella socio sanitaria, insieme alla Presidenza Avis Provinciale. Il messaggio è chiaro: non si dona mai abbastanza, il sangue, medicina per la vita serve in abbondanza. I video hanno coinvolto i professionisti del Servizio medicina trasfusionale e, come testimonial d’eccezione, i campioni del Rugby cittadino. “Inizia l’estate e sappiamo che, soprattutto in questi mesi, le donazioni non sono mai abbastanza, benchè la nostra provincia sia tra le più generose d’Italia spiega il Presidente Barbara Garbellini – Oggi è la giornata mondiale del donatore di sangue, un momento importante per ricordare come con un gesto di solidarietà si possono salvare in concreto tante vite: la nostra associazione sta mettendo in campo azioni importanti per ampliare la platea dei donatori, puntando sui giovani”.

“Il rubgy è lo sport della città ed è uno sport di contatto, fortemente inclusivo e relazionale: gli sportivi fanno rete, fanno opinione, e nostri rossoblu sono fantastici, crediamo molto in questa campagna video con i nostri giocatori del Rugby Femicz per sensibilizzare la comunità anche su corretti stili di vita” ha evidenziato Andrea Trombini
“ Il 2023 è stato un grande anno per le donazioni in Polesine: il numero totale delle donazioni di sangue è stato di 14.352, quelle di Plasma di 2316. I donatori sono 7021.  Nello stesso anno, le visite per idoneità alla donazione sono state 845, mentre 683 le prime donazioni. In generale, Rovigo è il Dipartimento di Medicina Trasfusionale della Regione che ha il più alto indice di donazione (e soprattutto il più alto numero di donazioni ogni 1000 abitanti, ben superiore alla soglia fissata dall’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) e dal Centro Nazionale Sangue – ha spiegato il Direttore del dipartimento di medicina trasfusionale Andrea Frigato -abbiamo il più alto indice di donazione regionale: ma non possiamo fermarci, donare è cultura”.

“Donare il sangue è un gesto concreto di solidarietà. Significa letteralmente donare una parte di sé e della propria energia vitale a qualcuno che sta soffrendo, qualcuno che ne ha un reale e urgente bisogno, significa preoccuparsi ed agire per il bene della comunità e per la salvaguardia della vita. Sta arrivando l’estate: ricordiamo che donare in questi mesi è particolarmente importante, perché offrire il proprio sangue e’ un puro atto di vita e amore. Ringrazio l’Avis provinciale, grazie al Rugby Rovigo per gli splendidi video promozionali e grazie ai nostri professionisti per diffondere la cultura del dono” chiude il Direttore Generale Pietro Girardi.

Condividi